Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player














RIMANI AGGIORNATO!!

Clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter e rimanere aggiornato su tutte le nostre ultime novità
 
     

     

Bed & breakfast Lazio, associazione B&B Lazio

 
DENOMINAZIONE, SEDE, SCOPI E STRUTTURE


Art.1 Costituzione
In data 15/05/2003 è costituita l’Associazione Laziale Bed & Breakfast, Affittacamere e Affini denominata A.L.B.A.A. tra i Soci Fondatori sig.ri: Traldi Federico nato a Roma il 03/03/1945 residente in Roma via Crescenzio,85 - Cod. Fisc. : TRLFRC45C03H501S – P. IVA : 09468940581 (titolare del B&B “A Roma San Pietro” – Roma ) , Pugliese Teodoro nato a Montesano S/M (Sa) il 10/12/1957 residente in Montesano S/M via Pila, 33 – Cod. Fisc. : PGLTDR57T10F625X – P. IVA : 01091720654 ( titolare del B&B Ted’s Vatican - Roma ) ; Lucani Massimo nato a Roma il 21/02/1954 residente in Monterotondo via Martiri Resistenza 3p – Cod. Fisc. : LCNMSM54B21H501X – P.IVA : 03756881003 ( titolare del B&B “ Lelinda “ – Roma ).
L’Associazione non persegue scopi di lucro.
L’Associazione ha durata illimitata.
L’Associazione ha sede in Roma: via Crescenzio, 85 int. 1-
I Soci Fondatori nominano all’unanimità quale primo Presidente dell’Associazione il sig. Traldi Federico, il quale accetta l’incarico.

Art.2 Caratteri e scopi dell’Associazione
L’A.L.B.B.A. associa ed intende rappresentare gli operatori di servizi: Bed & Breakfast, Affittacamere, Case Vacanze, Alloggi Agrituristici, Case per Ferie, Campeggi, Ostelli, Stabilimenti Balneari, Residences e Alberghi così come definiti e disciplinati dalle rispettive leggi nazionali e regionali, con lo scopo di sviluppare e radicare sul territorio un ambiente di ricettività qualificato.
L’Associazione in particolare persegue i seguenti scopi:
a) rappresentare gli associati, tutelandone i diritti e gli interessi in
tutte le sedi, nei rapporti con le Istituzioni Pubbliche e Private, la Pubblica Amministrazione, le Organizzazioni Politiche, Sociali ed Economiche a livello regionale e territoriale;
b) promuovere l’offerta di ricettività qualificata presso famiglie e strutture turistiche;
c) fornire ai Soci servizi di consulenza, assistenza tecnica, assistenza fiscale-amministrativa, legale, previdenziale, assicurativa, informatica, finanziaria, marketing e pubblicità, pubbliche relazioni, organizzazione logistica.
d) favorire l’incontro tra domanda e offerta in materia di servizi di ricettività, anche attraverso l’utilizzazione di reti telematiche e la partecipazione a mostre e fiere;
e) fornire materiale informativo e pubblicitario;
f) fornire servizi di ricezione e trasporto;
g) promuovere l’orientamento, la formazione e la qualificazione professionale di quanti operano nei servizi ricettivi attraverso l’organizzazione e la gestione di corsi di formazione specifici, interventi formativi, seminari di studio, formazione a distanza.
h) Organizzare iniziative, servizi, attività culturali, turistiche ricreative atte a soddisfare le esigenze di conoscenza e di ricreazione dei soci, conferenze, tavole rotonde), presentazione video ed altro, viaggi di istruzione,
i) Organizzare manifestazioni culturali (convegni).
Per il perseguimento delle finalità istituzionali di cui al presente articolo l’A.L.B.A.A. può costituire (sia nel Lazio che nelle altre regioni italiane) strutture organizzative idonee, compiere le relative operazioni economiche e finanziarie, assumere la partecipazione e promuovere la costituzione di Istituti, Società o Enti di qualsiasi natura giuridica, anche mediante il concorso di propri mezzi finanziari e patrimoniali, nonché aderire ad altre organizzazioni a livello Nazionale, Regionale e/o Provinciale.
SOCI


Art.3 Requisiti di ammissione, categorie, acquisto e perdita della qualità di socio

Possono iscriversi all’Associazione:

1) gli operatori di servizi di Bed & Breakfast e Affittacamere con i requisiti previsti dalle leggi Nazionali e Regionali;
2) i titolari (sia persone fisiche che società) di Case Vacanze, Alloggi Agrituristici, Case per Ferie, Campeggi, Ostelli, Stabilimenti Balneari, Residences e Alberghi;
3) coloro che per l’attività svolta, per la dedizione offerta e per il prestigio che hanno dato all’Associazione, abbiano conseguito particolari meriti e coloro che vogliono sostenere l’Associazione.

I Soci si dividono nelle seguenti categorie:

A) Soci Fondatori.
B) Soci Professionali : i titolari di attività di Affittacamere, Alloggi Agrituristici, Case per Ferie, Campeggi, Ostelli, Stabilimenti Balneari, Residences e Alberghi.
C) Soci Qualificati : i titolari di attività Bed&Breakfast e Case Vacanze .
D) Soci Benemeriti: i Soci che contribuendo alla realizzazione delle finalità istituzionali dell’Associazione conseguano particolari meriti.
E) Soci Sostenitore: i Soci che intendono sostenere l’Associazione.
La qualità di Socio si acquista con l’accettazione della domanda d’ammissione da parte del Consiglio Direttivo.
La qualità di Socio si perde:
a) per recesso del Socio;
b) per il venire meno dei requisiti di cui al 1° comma;
c) per esclusione, in caso di incompatibilità tra il comportamento del Socio e le finalità dell’Associazione;
d) per morosità nel pagamento delle quote associative.
La morosità e l’esclusione sono deliberate dal Collegio dei Probiviri su proposta del Consiglio Direttivo dopo aver ascoltato il Socio interessato.
La perdita per qualsiasi causa della qualità di Socio non dà diritto alla restituzione di quanto versato all’Associazione.
La qualità di Socio non è trasmissibile né per atto tra vivi né mortis causa.
ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE E LORO FUNZIONI


Art.4. Organi dell’Ente

Gli organi associativi sono :
a) Assemblea dei Soci;
b) Consiglio Direttivo;
c) Presidenza;
d) Comitato dei Probi Viri.

Art.5. Assemblea dei Soci

L’Assemblea dei Soci è composta dai Soci Fondatori e da tutti gli altri Soci in regola con il pagamento della quota annuale associativa.

Art.6. Compiti dell’Assemblea Ordinaria

Spetta all’Assemblea Ordinaria di :
- Approvare gli orientamenti generali dell’Associazione;
- Approvare il Bilancio Preventivo e Consuntivo entro il 30 giugno di ogni anno;
- Stabilire le quote associative annuali dei Soci;
- Eleggere i componenti del Consiglio Direttivo;
- Eleggere il Presidente.

Art.7. Costituzione e deliberazioni dell’Assemblea Ordinaria

L’Assemblea Ordinaria è valida in prima convocazione con la presenza dei due terzi dei Soci, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei Soci presenti e rappresentati, e delibera a maggioranza dei voti.
Ciascun Socio può farsi rappresentare nell’assemblea da un altro Socio con delega redatta per iscritto. Nessun Socio può cumulare più di due deleghe.

Art.8. Convocazione dell’Assemblea Ordinaria

L’Assemblea Ordinaria è convocata dal Presidente almeno una volta l’anno per l’approvazione del Bilancio Preventivo e Consuntivo. L’assemblea è convocata, inoltre, ogni volta che il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno oppure quando ne venga fatta richiesta da almeno un terzo dei Soci purché in regola con i versamenti delle quote associative.
La convocazione dell’Assemblea deve essere effettuata mediante invio di avviso scritto al domicilio del Socio almeno quindici giorni prima della data prevista¸ oppure, sempre almeno quindici giorni prima della data prevista, deve essere affissa in modo visibile nei locali della sede dell’associazione.
L’avviso di convocazione deve contenere il giorno, l’ora ed il luogo della prima e della seconda convocazione, nonché l'ordine del giorno.

Art.9. Costituzione e deliberazioni dell’Assemblea Straordinaria. Scioglimento dell’Associazione

L’Assemblea Straordinaria, convocata nei modi dell’Assemblea Ordinaria, è regolarmente costituita con la presenza di tanti associati che rappresentino almeno due terzi degli aventi diritto al voto e delibera con il voto favorevole dei due terzi dei presenti.
L’Assemblea Straordinaria delibera sulle modifiche statutarie.
Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dalla maggioranza dei Soci Fondatori i quali provvedono alla nomina di uno o più liquidatori e deliberano in ordine alla devoluzione del patrimonio a Istituzioni con finalità analoghe.

Art.10. Consiglio Direttivo : attribuzioni

Il Consiglio Direttivo è l’organo esecutivo dell’Associazione.
Esso si riunisce almeno una volta l’anno ovvero ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario o quando è richiesto da almeno un terzo dei Consiglieri.
Il Consiglio ha il compito di attuare le Direttive generali stabilite dall’Assemblea dei Soci e di promuovere, nell’ambito di tali direttive, ogni iniziativa diretta al conseguimento degli scopi sociali. Esso predispone i bilanci annuali e delibera sull’ammissione di nuovi associati.
Spettano al Consiglio Direttivo i poteri di Ordinaria e Straordinaria Amministrazione che non siano riservati dalla legge e dal presente Statuto all’Assemblea.
Il Consiglio elegge un Vice-Presidente, un Segretario/Responsabile Soci/Tesoriere e stabilisce i criteri per gli incarichi, fissa il numero, i compiti ed i rimborsi dei collaboratori amministrativi.
Il Presidente presiede le riunioni e svolge tutti gli adempimenti finalizzati all’attività del Consiglio stesso.

Art.11. Composizione del Consiglio Direttivo

Il primo Consiglio Direttivo è costituito dai Soci Fondatori.
Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di tre fino ad un massimo di cinque membri.
I Soci Fondatori ne sono membri di diritto; i restanti componenti sono eletti dall’Assemblea e scelti tra i soci.
Il Consiglio rimane in carica per la durata di cinque anni ed è rieleggibile.
In caso di dimissioni, il Consiglio provvede alla nomina di sostituti pro-tempore fino all’Assemblea successiva.
L’intero Consiglio si considera decaduto quando venga a mancare la metà più uno dei suoi componenti. In tal caso l’Assemblea, convocata entro tre mesi dai membri ancora in carica, elegge il nuovo Consiglio Direttivo.

Art.12. Presidenza

La Presidenza è composta dal Presidente, dal Vice-Presidente e dal Tesoriere; essi in fase costituente sono eletti dai Soci Fondatori
La Presidenza resta in carica per cinque anni.
La Presidenza garantisce nelle attività sociali e culturali il perseguimento dei fini statutari e degli obiettivi associativi, coordina le attività dell’Associazione sottoponendole alla valutazione ed alla ratifica del Consiglio Direttivo.
In caso di assenza o di impedimento tutte le funzioni del Presidente vengono svolte dal Vice-Presidente.
Il Presidente, eletto dall’Assemblea, ha la rappresentanza legale dell’Associazione e presiede le sedute del Consiglio.
Al Presidente potranno essere delegati poteri spettanti al Consiglio Direttivo.
Esso cura ogni fase attuativa delle decisioni del Consiglio.
E’ rieleggibile.
Il Presidente ed il Segretario possono delegare in forma scritta ad uno o più membri del Consiglio, in via temporanea o permanente, il compimento di alcuni atti determinandone i limiti e i criteri direttivi e definendone l’oggetto.
Il Presidente può avvalersi del supporto tecnico d’esperti e consulenti.

Art.13 Comitato dei Probiviri

Il Comitato dei Probiviri viene eletto all’inizio dell’attività associativa e dura in carica tre anni. Possono ferme parte anche i non soci, ed il requisito essenziale per essere eletto è l’assoluta moralità. Essi eleggono un Presidente, e si riuniscono almeno una volta l’anno, nonché tutte le volte che vengono invocati per decidere sui comportamenti e sui fatti il cui contenuto riguardi la peculiarità dell’organo, e deliberano incondizionatamente, anche se tuttavia le loro decisioni debbono essere necessariamente ratificate dal Consiglio Direttivo, il quale può anche modificarle con motivazione.
PATRIMONIO DELL’ASSOCIAZIONE


Art.14. Fondo comune

Il patrimonio dell’Associazione è costituito:
A) dalle quote annuali versate dai Soci;
B) dai beni mobili ed immobili acquistati dall’Associazione;
C) da erogazioni, donazioni e lasciti testamentari;
D) da fondi di riserva costituiti dalle eccedenze di bilancio;
E) dai contributi di privati o enti pubblici che concorrano a incrementare l’attività associativa.
Il patrimonio dell’Associazione non è distribuibile né in forma diretta né in forma indiretta tra i Soci, ma deve essere utilizzato per il raggiungimento dei fini istituzionali.
Il patrimonio è indivisibile.

Art.15. Esercizio Sociale.

L’Esercizio Sociale inizia il primo gennaio e termina con il trentuno dicembre d’ogni anno.
Il Consiglio Direttivo dovrà predisporre il Bilancio Consuntivo da sottoporre, unitamente al Preventivo, all’approvazione dell’Assemblea entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio annuale.
Gli eventuali avanzi di gestione, determinati con il conto consuntivo in base al fondo finale di cassa e decurtati delle spese già impegnate, potranno essere destinati, con l’approvazione dell’Assemblea dei Soci, a finanziare le spese dell’anno successivo a quello cui il consuntivo si riferisce, il 10% dell’eventuale avanzo va imputato al “Fondo di riserva”.
RESPONSABILITA’


Art.16. Obbligazioni

Per le obbligazioni assunte dalle persone che rappresentano l’Associazione i terzi possono far valere i loro diritti sul patrimonio dell’ente. Di tali obbligazioni rispondono anche personalmente e solidalmente coloro che hanno agito in nome e per conto dell’Associazione.
DISPOSIZIONI FINALI


Art.17.

Per quanto non espressamente contemplato dal presente Statuto valgono le norme del Codice Civile e le disposizioni delle leggi vigenti in materia di Associazione.

Art.18.

Il Foro competente su eventuali controversie per l’applicazione del presente Statuto è il Foro di Roma.









 
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER SMS
Nome*
Cognome*
Cellulare*
Sono interessato a:
Eventi
Novità
Offerte
I campi con * sono obbligatori
Ho preso visione della privacy policy ed acconsento al trattamento dei dati
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER EMAIL
Nome*
Cognome*
Email*
Lingua
I campi con * sono obbligatori
Ho preso visione della privacy policy ed acconsento al trattamento dei dati